Social Commerce & Branding Online: Sestyle a Blob 2.0

Tag Cloud sul Social Commerce
0 Flares 0 Flares ×

Come approcciare il commercio online nell’era del Web 2.0? Quali opportunità (e rischi) offre la rete, e in particolare il Web Sociale, per le aziende e i professionisti che vogliano far crescere la propria presenza online? E quali strategie e strumenti si possono utilizzare per sfruttare al meglio queste opportunità?

Sono questi gli argomenti che abbiamo affrontato nel workshop su Social Commerce e Branding Online tenuto lo scorso venerdì 9 settembre presso la sede Ascom di Treviso per il Festival della Comunicazione Blob 2.0 appena conclusosi.

Di seguito potete trovare le slide utilizzate [scaricabili dalla solita pagina download] che ora vi voglio velocemente introdurre.

Partendo dai cambiamenti avvenuti nella comunicazione col Web 2.0 (dalla trasmissione a senso unico verso una massa indifferenziata alla conversazione interattiva generata e condivisa tra gli utenti della rete) e nei consumatori (l’emergere dei prosumer, consumatori attenti e attivi nei vari processi di creazione, produzione, distribuzione e consumo dei prodotti) abbiamo poi focalizzato l’attenzione sui cambiamenti che le aziende sono chiamate ad abbracciare per mantenere una comunicazione efficace. Ecco quindi i concetti di branding, con alcuni esempi di brand ampiamente conosciuti ma anche i successi di alcune aziende del territorio, di comunicazione 2.0, sempre con esempi concreti di engagement e comunicazione trasparente, e di “umanizzazione” del brand, attraverso i classici casi di chi ci ha “messo la faccia” ma anche attraverso il coinvolgimento dei dipendenti (empowered employee) e lo storytelling. Di seguito abbiamo analizzato linguaggi e differenze delle principali piattaforme Social, per concludere con alcuni casi esemplari di buono (e cattivo) utilizzo delle dinamiche dei Social Network.

Alla fine dell’incontro abbiamo consegnato ai partecipanti un pratico Vademecum per una buona strategia di Social Commerce, sintesi degli argomenti trattati, che vi riporto integralmente:

1. Pianifica la strategia

Non improvvisare o limitarti a presenziare ma:

  • Stabilisci degli obiettivi;
  • Identifica il target;
  • Pensa alla comunicazione a 360° e in modo coerente.

P.S. Lo scopo è conversare, non promuovere in modo spinto.

2. Definisci la tua identità

Valorizza chi sei e ciò che sai fare puntando su:

  • Cosa ti differenzia;
  • Qual è la tua storia;
  • Quali valori condividi coi tuoi clienti.

P.S. Le persone si fidano delle persone, non di brand anonimi.

3. Scegli i tuoi canali

Utilizza le piattaforme in sintonia con la tua strategia e identità:

  • Il Blog, che sarà la tua “casa”;
  • Fb, G+, Twitter, Linkedin (Social Network più diffusi);
  • Youtube, Flickr, Slideshare (per i contenuti multimediali).

P.S. Non sottovalutare la geolocalizzazione (Foursquare).

4. Apriti alla conversazione

Inizia a comunicare in maniera coerente il tuo Brand:

  • Ricordati di iniziare dall’ascolto;
  • Sii autentico, chiaro e diretto;
  • Partecipa, coinvolgi e interagisci.

P.S. Il contenuto è il re. Ricordati di dare valore.

5. Monitora il risultato

Correggi la mira strada facendo:

  • Da’ importanza ai feedback dei tuoi utenti/clienti;
  • Utilizza gli strumenti di analisi e monitoraggio forniti dal web;
  • Mantieniti costantemente aggiornato.

P.S. Partecipa e conversa agli eventi. Non tutto si svolge online.

Tenendo costantemente presente che la platea, costituita per di più appunto da associati Ascom e professionisti di vario genere, era direttamente e concretamente interessata all’argomento, abbiamo voluto a nostra volta essere concreti e diretti nel trattare queste tematiche, cercando di coinvolgerli quanto più possibile e con l’obiettivo che, una volta usciti dalla sala, sentissero di portarsi a casa, in azienda, in ufficio, qualcosa di autenticamente utile e spendibile. [E dai feedback raccolti a fine intervento speriamo proprio di esserci riusciti.]

E voi che ne dite? Ci siamo riusciti a dare un quadro esaustivo? Avremmo dovuto aggiungere altro?

P.S. All’interno di Blob 2.0 abbiamo partecipato anche ad altri eventi, tra i quali un forum sul rapporto tra giornalisti e blogger che però non è “decollato” per alcuni pregiudizi che i giornalisti dei media tradizionali continuano a manifestare nei confronti della rete (peccato) e uno sul Personal Branding che vedeva coinvolti tra gli altri Dino Amenduni, Tommaso Sorchiotti e Stefano Quadraro, e che invece ha ottenuto un certo successo coinvolgendo molto anche il pubblico, forum di cui mi limito ad inserire una foto rimandandovi per una sintesi dell’evento all’ottimo post di Carlo Mazzocco sul suo blog.Blob 2.0 forum sul Personal Branding

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

scritto da

Enrico Bisetto è personal branding “creative” strategist e co-founder di Sestyle che, attraverso la consulenza e la formazione, ti accompagna a fare di stesso la chiave del tuo successo.

  5 commenti

scritto da Irene il 12 settembre 2011 Rispondi

Un’articolo scritto davvero bene che riassume in modo sintetico e chiaro tutti i punti fondamentali da considerare.
Il forum è stato davvero interessante, pure se il vademecum non l’ho ricevuto, e per questo farò ricorso :P

Che tipi di pregiudizi sono emersi dal forum con i giornalisti? Mò, avete messo curiosità.

Un’abbraccio!

scritto da Enrico Bisetto il 12 settembre 2011 Rispondi

Eheheh, il vademecum l’abbiamo distribuito al workshop area business, non al forum sul Personal Branding dove eri presente anche tu, ma se vuoi te ne spediamo una copia autografata :D

Per quanto riguarda il forum coi giornalisti lasciamo stare, è nata da subito una contrapposizione che non aveva ragion d’essere, ma tant’è… molto meglio quello a cui hai partecipato anche tu ;)

Un abbraccio a te, cara.

scritto da Carlo Mazzocco il 12 settembre 2011 Rispondi

Ottimo post riassuntivo dell’evento. Molto utile per chi, come me, purtroppo non è potuto esser presente.
Anche il vademecum è interessante: pochi punti ma ben chiari e senza particolari “tecnicismi”.
Vi ringrazio anche per avermi citato a fondo post ;)
Carlo

scritto da Enrico Bisetto il 12 settembre 2011 Rispondi

Grazie Carlo, i tecnicismi abbiamo voluto evitarli proprio per quel principio di chiarezza e praticità che ci eravamo imposti, certo tra “addetti ai lavori” possono essere utili alla discussione, ma non era questo il caso.
Per quanto riguarda l’averti citato, beh, hai fatto un ottimo post sul forum di sabato, era impossibile non citarlo ;)

scritto da Irene il 12 settembre 2011 Rispondi

Ok, allora siete perdonati.
La copia autografata però mettetemela via lo stesso eh! :P

:)

  lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×